Questo sito fa esclusivamente uso di cookie tecnici per ricordare le preferenze di navigazione. Premendo sul tasto "CHIUDI" darai il consesno a tale utilizzo.

RIABILITAZIONE EQUESTRE

Da secoli il cavallo accompagna l'uomo lungo il corso della sua storia: vari e più o meno nobili sono stati i suoi impieghi e fra i tanti quello che vede il cavallo trasformarsi in un 'terapista a quattro zampe'. Partendo da questo presupposto l'ippoterapia, che etimologicamente significa 'curare mediante il cavallo', si basa su fondamenti di oramai riconosciuta credibilità scientifica.

L'equitazione può essere esercitata con successo dai minori e dai giovani normodotati che affetti dalle più diverse disabilità motorie in virtù degli effetti benefici che tale attività sportiva realizza sul benessere globale della persona: consente una migliore percezione del proprio corpo, una visione assolutamente nuova e rassicu

rante del mondo e, soprattutto, una ritrovata libertà di essere soli con un animale amico.

Prima fase: approccio con il cavallo

Non è richiesta la partecipazione attiva del soggetto. In questa fase è il cavallo stesso che, con la sua andatura ritmica e modulabile, il suo carattere docile ma mai passivo, si presta alla rottura degli schemi patologici: movimenti stereotipati, isolamento, rigidità posturale e aggressività.

In questa prima fase sono previsti momenti a terra nella cura del cavallo.

Seconda fase: rieducazione equestre

Richiede un approccio attivo al mondo del cavallo e dell'equitazione, un mondo che si presta in maniera straordinaria all'educazione e/o rieducazione di tutte le aree cognitive, relazionali e psicomotorie, esso è infatti ricco di situazioni sfruttabili dall'operatore; pensiamo, per esempio, alla cura dei finimenti e alla pulizia del cavallo per le prassi e le abilità manuali in genere, ma pensiamo anche alla relazione e comunicazione col cavallo stesso fatta di gesti e sensazioni semplici che sono alla base dei normali rapporti interpersonali.

Questa fase è stata divisa in due momenti distinti, uno di avvicinamento ed uno di apprendimento:

  • 1° fase avvicinamento

Area cognitiva: conoscenza delle principali parti anatomiche del cavallo, dei finimenti e degli strumenti di pulizia e cura.

Area relazionale: riconoscimento dell'individuo 'cavallo', differenziazione dal sé, rispetto.

Area della motricità: educazione e controllo della motricità fine, tramite la cura del cavallo e dei finimenti, globale.

Area del linguaggio: comprensione e produzione di nomi di oggetti e di comandi semplici.

  • 2° fase apprendimento

Area cognitiva: lavoro sulla co

noscenza corporea, sul riconoscimento di figure, movimenti complessi; lavoro e giochi a terra per verificare e fissare quanto appreso.

Area relazionale: lavoro in gruppo (riprese), riconoscimento del compagno e lavoro differenziato. Comportamento attivo con il cavallo.

Area della motricità: lavoro sul tono muscolare, sull'equilibrio, sul ritmo.

Lavori sull'acquisizione corporea di posture e movimenti semplici e complessi.

Area del linguaggio: comprensione e produzione di comandi semplici e complessi.